Centro di documentazione sull'emigrazione parmense

Mappa della provincia di Parma

Approfondimenti tematici

Contatti

Visitatori

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi54
mod_vvisit_counterIeri63
mod_vvisit_counterQuesta settimana54
mod_vvisit_counterLa scorsa settimana622
mod_vvisit_counterQuesto mese2405
mod_vvisit_counterLo scorso mese2677
mod_vvisit_counterTotale229339

Nel XVIII secolo i girovaghi delle valli del Taro e del Ceno sapevano procurarsi orsi, cammelli, scimmie ed altri animali di origine esotica; con questi animali, giravano l’Europa, ed arrivavano anche in Finlandia, o in Persia, «per procacciarsi il vitto», mostrandoli al pubblico e improvvisando “spettacoli” di strada.
Era questa una delle forme più originali – anche se non la sola: altri facevano i venditori ambulanti di inchiostro o di altri oggetti, oppure i segantini o i giornalieri di campagna, quando non erano costretti a rifugiarsi nell’accattonaggio - della incessante lotta ingaggiata per superare lo squilibrio tra i bisogni della popolazione e le risorse che essa riusciva a trarre dal territorio.

Lo squilibrio era così forte che nel Monchiese e nel Cornigliese vigeva un rigido costume per cui, per ciascuna generazione, poteva sposarsi un solo figlio.