Centro di documentazione sull'emigrazione parmense

Mappa della provincia di Parma

Approfondimenti tematici

Contatti

Visitatori

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi104
mod_vvisit_counterIeri80
mod_vvisit_counterQuesta settimana528
mod_vvisit_counterLa scorsa settimana395
mod_vvisit_counterQuesto mese1254
mod_vvisit_counterLo scorso mese2599
mod_vvisit_counterTotale239705

I documenti di cui disponiamo riguardano, per il Seicento, soprattutto i rapporti, molto intensi e duraturi, dei montanari parmensi con il Regno Lombardo, in particolare con Cremona.
Questo principalmente per gli uomini e le donne delle valli del Taro e del Ceno, per i quali disponiamo di ampi elenchi, ma anche, sia pure in minor misura, per gli abitanti della fascia rivierasca del Po, come mostrano i permessi rilasciati in applicazione dell’editto “di Caprarola”.
Partivano alla ricerca di una migliore condizione di vita; ad esempio, Giuseppe Soncini di Mezzano il 25 agosto 1696 chiedeva “di andare a servire fuori dal Stato” “essendo Giovine senza haver alcun mestiere con il quale possi guadagnarci il vitto”

 

Ricerca nell'archivio del centro di documentazione: nome di persone o località