Centro di documentazione sull'emigrazione parmense

Mappa della provincia di Parma

Approfondimenti tematici

Contatti

Visitatori

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi60
mod_vvisit_counterIeri121
mod_vvisit_counterQuesta settimana529
mod_vvisit_counterLa scorsa settimana663
mod_vvisit_counterQuesto mese1258
mod_vvisit_counterLo scorso mese3241
mod_vvisit_counterTotale284635

I Paesi di destinazione

        Abbiamo già accennato ai luoghi di destinazione dell’emigrazione parmense nel 1871; la tabella seguente mostra la situazione dell’emigrazione nel corso del 1876: la Francia era ancora la destinazione di gran lunga prevalente (quasi il 53% del totale, che diventerebbe il 57% considerando anche l’Algeria, allora dominio francese); al secondo posto, la Svizzera (16%) e poi, dal 7% in giù, gli altri paesi

Paesi di destinazione - anno 1876

Paesi di destinazione

Emigrazione

Emigrazione

propria

temporanea

totale

propria

temporanea

totale

Provincia di Parma

Provincia di Piacenza

Francia

 

1

652

653

176

377

553

Svizzera

 

 

203

203

6

80

86

Germania

 

 

88

88

47

91

138

Austria - Ungheria

 

 

68

68

2

11

13

Russia

 

 

51

51

 

 

0

Algeria

 

1

45

46

 

 

0

Gran Bretagna

 

8

36

44

1

35

36

Spagna e Portogallo

 

19

19

4

11

15

Belgio e Olanda

 

 

19

19

2

10

12

Repubbliche della Plata

 

15

15

4

6

10

Stati Uniti e Canada

2

10

12

9

5

14

Altri stati dell'America meridionale e centrale

 

9

9

 

4

4

Egitto

 

 

5

5

 

 

0

Altri Stati

 

 

1

1

 

2

2

Scandinavia

 

 

 

 

13

20

33

Totale

12

1.221

1.233

264

652

916



Dal 1876, sono stati pubblicati i dati annuali;



Clicca sull'immagine per scaricare il file
 


Clicca sull'immagine per scaricare il file


        Come mostrano la tabella e il grafico, tra il 1876 e il 1922, un arco di quasi mezzo secolo, la Francia è rimasta la meta principale, con oltre 53.000 migranti, il 37% del totale; al secondo posto la Svizzera (17,5%) che, in qualche circostanza, soprattutto verso fine secolo e attorno al 1910, superò anche la stessa Francia; al terzo posto, gli Stati Uniti d’America (16%) verso i quali i maggiori flussi si registrarono tra il 1905 e il 1913.
Seguono Argentina (8%), Germania e Regno Unito.



Clicca sull'immagine per scaricare il file

         Nel periodo 1876-1934, l’emigrazione parmense ha rappresentato quasi il 20% dell’intera emigrazione dall’Emilia, tanto per l’emigrazione verso l’Europa e il bacino del Mediterraneo quanto verso i paesi trans-oceanici.
Particolarmente elevate le percentuali verso il Regno Unito (37,69), la Francia (26,36), gli Stati Uniti (25,32), l’Argentina (24,23).
Anche verso l’Africa l’emigrazione parmense ha rappresentato più del 24% di quella regionale e così – ma in questi casi si tratta di cifre assai modeste in valore assoluto - verso la regione del Rio de la Plata (40,06), l’Ungheria (26,50) e la Russia (24,86%).